La singolarità è vicina

Scritto il 16 settembre 2017

La singolarità è vicina, di Ray KurzweilEntro il 2045 le nostre tecnologie – informatiche, genetiche, nano e robotiche – avranno compiuto progressi esponenziali, al punto da superare l’intelligenza umana e, di fatto, ci concederanno quasi tutto ciò che vogliamo.

Questa è la premessa essenziale di La singolarità è vicina, condensato di ottimismo tecnologico scritto dallo scienziato statunitense Ray Kurzweil.

Affrontando differenti temi – come la chimica cerebrale, i conflitti futuri, la realtà virtuale e il sangue creato in laboratorio – Kurzweil descrive con gioia come sarà possibile un tale salto trascendente nella tecnologia, soprattutto sviluppando computer che applicheranno l’ingegneria inversa per decifrare i processi della mente umana.

Poiché i cervelli elettronici sono intrinsecamente più veloci dei cervelli umani, Kurzweil ritiene che alla fine le macchine diventeranno così avanzate che saremo in grado di duplicare la coscienza umana per poi farne l’upload.

Questo permetterebbe agli esseri umani di sperimentare i processi di pensiero più veloci attraverso l’elaborazione alla velocità della luce tipica dei computer, mentre i computer imparano a programmare per imitare, replicare e infine superare le capacità intellettuali umane, portando a quella che viene chiamata la “singolarità tecnologica”.

Tutto ciò è in linea con la “Legge di Moore”, che stabilisce che la capacità di calcolo dei computer continuerà a raddoppiare ogni due anni o meno nel futuro prossimo.

Man mano che i nostri computer espandono le loro capacità, ci permetteranno di sviluppare cellule del sangue intelligenti, trasformare fisicamente i nostri corpi, collegare i nostri sensi direttamente in realtà virtuali sensoriali complete, aumentare istantaneamente le nostre conoscenze e alla fine ci permetteranno di diventare elettronicamente, se non fisicamente, immortali.

Le macchine

Mano a mano che le macchine raggiungono livelli di calcolo sempre più lontani, tutta la materia dell’universo sarebbe alla fine in grado di memorizzare la conoscenza. Questo, in sostanza, renderebbe cosciente l’intero universo e significherebbe che gli esseri umani creerebbero l’equivalente funzionale di Dio.

Il libro ha solo pochi capitoli, alcuni dei quali richiedono più tempo di altri per essere letti.
Kurzweil inizia descrivendo le “sei epoche” della civiltà, che culminano nella sua singolarità.

Ray Kurzweil

Ray Kurzweil

Il secondo capitolo travolge il lettore con esempi e grafici che illustrano lo sviluppo esponenziale e il progresso dell’hardware del computer. I capitoli tre e quattro discutono della capacità di calcolo del cervello umano e di come gli scienziati stiano tentando di decodificarlo. Qui è dove il libro un po’ stanca, soprattutto se non si è particolarmente interessati alla chimica del cervello o all’informatica.

Il capitolo quinto tratta delle rivoluzioni che si verificano in genetica, nanotecnologie e robotica. I Capitoli sei e sette giocano con le idee e le implicazioni della singolarità e discutono perché Kurzweil sia a favore di questo.

Il capitolo otto offre una discussione molto equilibrata della promessa e del pericolo del GNR (genetica, nanotecnologie e robotica), e offre anche alcune soluzioni potenziali, ma Kurzweil ha ben pochi dubbio che qualsiasi pericolo può essere superato attraverso più, non meno, lo sviluppo. E infine, si conclude con un lungo capitolo in cui affronta i vari argomenti contro l’impossibilità di singolarità.

Come fan della fantascienza, non ho nessun problema a credere che la singolarità sia possibile, e non tenterei in nessun caso di discutere con Kurzweil sulla fattibilità delle sue idee. Mi chiedo invece se sia auspicabile il suo piano e, cosa ancora più importante, il suo potenziale impatto sull’insediamento spaziale.

Lo spazio

Kurzweil affronta le attività spaziali in tre contesti: l’energia solare spaziale (SSP), l’esplorazione interstellare e la possibilità di un asteroide di scontrarsi con la Terra. Nel primo caso, ipotizza che la SSP potrebbe essere resa più efficiente producendo celle solari a livello nanometrico, dando modo ad una maggiore superficie di catturare l’energia solare. Nel campo dell’esplorazione interstellare, Kurzweil rifiuta l’utilità di inviare “corpi morbidi” attraverso lo spazio, preferendo affidarsi a nano-macchine e hardware robotizzati.

Kurzweil respinge rapidamente la possibilità che un asteroide possa spazzare via una civiltà altamente tecnologica. Egli afferma che un “killer planetario” sarebbe rilevato abbastanza in anticipo per essere fermato. Questo ignora lo stato attuale delle tecnologie anti-asteroidi e il potenziale di un oggetto molto più piccolo che si stacca nel Pacifico e spazza via la maggior parte dei centri high-tech del mondo con gli tsunami (come descritto nel romanzo Lucifer’s Hammer di Larry Niven).

Vi sono naturalmente vantaggi per un futuro “post-umano”, in cui la coscienza umana sarebbe rafforzata da collegamenti a computer super-intelligenti e in cui le nanotecnologie possono creare quasi qualsiasi sostanza su larga scala.

Ad esempio, un veicolo spaziale single-stage-to-orbit – in grado di raggiungere l’orbita terrestre con un solo stadio, decollando ed atterrando come un aeroplano convenzionale – potrebbe essere progettato e costruito. I materiali potrebbero essere estratti in modo più efficiente dal suolo lunare o dagli asteroidi. Gli esseri umani potrebbero essere geneticamente modificati per sopravvivere su Marte, o delle nano-macchine potrebbero essere sviluppate per terraforme rapidamente Marte.

I sostenitori dello spazio, qualora lo volessero così fortemente, potrebbero aspirare a ibridazioni con nanotecnologie, genetica o anche intelligenza artificiale per perseguire gli sforzi legati agli insediamenti spaziali. Potrebbero anche sostenere l’uso etico di queste tecnologie sulla Terra e su altri mondi.

L’hybris

Tuttavia, i sostenitori dello spazio devono anche considerare il potenziale di malizia con questa tecnologia “divina”.

Storie che vanno dalla mitologia greca a “L’apprendista stregone” a “Frankenstein” alle opere di Michael Crichton ci hanno messo in guardia sui pericoli dell’hybris – tema ricorrente della tragedia greca, che significa letteralmente “superbia”.

Dobbiamo anche considerare i pericoli di effetti secondari o “la legge delle conseguenze impreviste” (risultati che non sono quelli previsti da un’azione mirata), che influisce su qualsiasi decisione tecnologica che prendiamo oggi.
L’ottimismo tecnologico di Kurzweil sta lentamente cedendo il passo al pessimismo tecnologico che confina (come dice lui stesso) con i sentimenti antitecnologici.

Ancora una volta, non sto negando la probabilità della singolarità tecnologica di Kurzweil; mi limito a mettere in dubbio la sua acritica accettazione. Dare agli esseri umani macchine capaci di fare qualsiasi cosa e loro lo faranno, per il bene e il male. Kurzweil sembra soffermarsi troppo sui lati positivi per dare un secondo parere su quelli negativi.

Coloro che sono contro il programma spaziale di solito affermano che dovremmo rendere la vita perfetta qui prima di andare ad altri mondi e La singolarità è vicina sembra promettere esattamente questo.
Tuttavia, rendere la vita perfetta sulla Terra non significherebbe forse eliminare il primo motivo che ci spinge a volercene andare?

Se fosse così, ciò potrebbe essere estremamente pericoloso per la specie umana. La singolarità potrebbe essere davvero vicina. La domanda che i sostenitori dello spazio devono porsi è la seguente: vogliamo che sia così?

Prologo

A cinque anni ho avuto l’idea che sarei diventato un inventore.
Pensavo che le invenzioni potessero cambiare il mondo.
Quando altri bambini cominciavano appena a chiedersi che cosa fare da grandi, io pensavo già di sapere che cosa sarei diventato.

Il razzo per la Luna che stavo costruendo allora (quasi un decennio prima della sfida del presidente Kennedy alla nazione americana) non funzionò, ma intorno agli otto anni le mie invenzioni diventarono un po’ più realistiche: un teatrino robotico con collegamenti meccanici che potevano spostare scene e personaggi, mostrandoli o nascondendoli, e giochi di baseball virtuale.

I miei genitori, entrambi artisti, erano sfuggiti all’Olocausto e volevano per me un’educazione religiosa più laica, meno provinciale. La mia educazione spirituale, così, avvenne in una chiesa Unitariana. Passavamo sei mesi a studiare una religione (ne seguivamo le cerimonie, ne leggevamo i testi,discutevamo con i suoi capi) poi passavamo alla successiva.

Il tema era: “ci sono molti sentieri per la verità”. Ovviamente notai molti parallelismi fra le tradizioni religiose del mondo, ma anche le incongruenze erano illuminanti. Mi divenne chiaro che le verità fondamentali erano abbastanza profonde da trascendere le contraddizioni evidenti.

A otto anni, scoprii la collana di libri di Tom Swift Jr. La trama di tutti e trentanove i volumi (solo nove erano stati pubblicati quando cominciai a leggerli nel 1956) era sempre la stessa: Tom si cacciava in un guaio terribile, in cui il suo destino e quello dei suoi amici, spesso anche del resto della razza umana, erano in gioco.

Tom si ritirava nel suo laboratorio in cantina e pensava come risolvere il problema. Questo era l’elemento di tensione drammatica in tutti i libri della serie: quale idea geniale avrebbero escogitato Tom e i suoi amici per salvare il mondo? La morale di quei racconti era semplice: l’idea giusta aveva la forza di superare una sfida apparentemente insormontabile.

Dove trovare il libro online?

La singolarità è vicina,
su Amazon

The Singularity is Near,
libro in inglese

Su questo bestseller è stato basato il docu-film “The singularity is near” intreccia un documentario frenetico con una fiction narrativa.

Il documentario presenta Ray Kurzweil che interagisce con una moltitudine di pensatori sull’impatto delle tecnologie in continua espansione sulla natura della vita umana nel prossimo mezzo secolo.

La fiction racconta invece la storia di Ramona (interpretata da Pauley Perrette), un avatar supereroe creato da Ray. Mentre l’ avventura si svolge, Ramona diventa sempre più indipendente, assume Alan Dershowitz (che suona se stesso) per esercitare pressioni per i suoi diritti legali, ed è allenata da Tony Robbins (che gioca anche lui stesso) per scoprire il vero significato di ciò che significa essere umano.

 

(fonti)

Tags: , ,

Scrivi un commento